Il divoratore PDF/EPUB Á Paperback

Il divoratore PDF/EPUB Á Paperback
    IGNOU books 2019 In Hindi Online PDF Free grupo de três rapazes, começa a fazer estranhos desenhos de um velho vestido de negro, o Homem dos Sonhos Ninguém lhes dá grande valor senão Alice, a sua psicoterapeuta, que suspeita que o velho pode estar associado aos desaparecimentosOs desenhos de Pietro trazem a Alice recordações de infância, ocultas na memória durante muitos anos: Denny, seu colega de escola, tinha sete anos e um pai alcoólico Sofria maus tratos constantes em casa e nas aulas e procurava refúgio da realidade na sua poderosa imaginação O que acontece quando a imaginação de uma criança é tão forte e desesperada que se torna capaz de criar um monstro, um monstro real, que se alimenta do ódio e do ressentimento, um devorador de almas sem meio de se saciar? Agora que Pietro desenhou o Homem dos Sonhos, será ele a próxima vítima?O Devorador é uma história feita de sonhos e de medos, onde a fantasia e a realidade se confundem para criar um mistério inquietante."/>
  • Paperback
  • 260 pages
  • Il divoratore
  • Lorenza Ghinelli
  • Portuguese
  • 07 August 2019
  • 9789896721589

Il divoratore➥ [Ebook] ➠ Il divoratore By Lorenza Ghinelli ➯ – Essayreview.co.uk Várias crianças desapareceram nas mais macabras circunstâncias, sem que a polícia encontre qualquer explicação Pietro, de anos, é autista Vê o mundo de forma diferente e vive numa prisão de Várias crianças desapareceram nas mais macabras circunstâncias, sem que a polícia encontre qualquer explicação Pietro, deanos, é autista Vê o mundo de forma diferente e vive numa prisão de silêncio, incapaz de comunicar É, porém, o único que sabe que algo de terrivelmente brutal está a acontecer no seu bairro Depois de ser atacado por um grupo de três rapazes, começa a fazer estranhos desenhos de um velho vestido de negro, o Homem dos Sonhos Ninguém lhes dá grande valor senão Alice, a sua psicoterapeuta, que suspeita que o velho pode estar associado aos desaparecimentosOs desenhos de Pietro trazem a Alice recordações de infância, ocultas na memória durante muitos anos: Denny, seu colega de escola, tinha sete anos e um pai alcoólico Sofria maus tratos constantes em casa e nas aulas e procurava refúgio da realidade na sua poderosa imaginação O que acontece quando a imaginação de uma criança é tão forte e desesperada que se torna capaz de criar um monstro, um monstro real, que se alimenta do ódio e do ressentimento, um devorador de almas sem meio de se saciar? Agora que Pietro desenhou o Homem dos Sonhos, será ele a próxima vítima?O Devorador é uma história feita de sonhos e de medos, onde a fantasia e a realidade se confundem para criar um mistério inquietante.


About the Author: Lorenza Ghinelli

Is a well known author, some of his books are a fascination for readers like in the Il divoratore book, this is one of the most wanted Lorenza Ghinelli author readers around the world.


10 thoughts on “Il divoratore

  1. says:

    Mettiamola così: Rain Man e Gollum legano quanto la Nutella con la trippa.
    Indigesto.

  2. says:

    Per cominciare di deve dire che più che un romanzo é un racconto lungo. Ci sono tanti capitolini e tante pagine bianche e la spaziatura così come il carattere sono belli grandi (per chi come me ha inziato a essere presbite é una vera manna, e pensare che sino ad un paio di anni fa io ai caratteri di stampa manco ci facevo caso...).
    Poi la Ghinelli o chi per essa c'ha il vizio del titolo in ...ore che va tanto di moda oggi: Il Suggeritore, L'inseguitore, Lo squartatore e via cantando, ci mancava Il divoratore.
    Poi l'imbonitore (bel titolo neh!) dell'ultima di copertina, da bravo imbonitore cerca di vendere la merce al suo meglio: Il caso letterario dell'anno! Un romanzo che prima ancora di essere pubblicato ha scatenato aste in tutto il mondo!
    Ma fatemi il piacere dai!
    IT+Spider+Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte (King+MacGrath+Haddon), bambini, sindrome di Asperger, dissociazione psicotica, ricordi rimossi, dategli una bella rimescolata et voilà...
    Ma siccome la Ghinelli non arriva manco ai calzini del Re, di MacGrath (il suo Spider é un capolavoro leggetelo ne vale la pena) e in parte di Haddon, il risultato non convince per niente.
    Però, ecco, anche se non del tutto riuscito, i personaggi mancano di spessore, la sindrome di Asperger oramai la trovi dappertutto, a pg 46 si parla di furia alessitimica un po' così alla belin di cane, tanto pour épater le bourgeois,, ecco malgrado tutto ciò che potrebbe farne una ciofeca, devo dire che alcune pagine le salvo perché hanno saputo trasmettere molto bene immagini ed emozioni.
    Quindi due stellette.
    Comunque si vive benissimo anche senza leggerlo, io l'ho preso per curiosità alla mia solita libreria del riciclato,(poco più di un euro) e il fatto che fosse già lì ed é da pochi mesi da che é stato pubblicato la dice lunga no?
    (tornerà in circolo).

  3. says:

    Abandono este libro. No consigo interesarme por la historia. Me hago un lío con los niños y el viejo asesino me tira para atrás (no precisamente de terror). Mi dispiace molto, Lorenza.

  4. says:

    No sé porque tiene tan malas críticas, en lo personal me gustó. Quizás no sea el mejor libro pero el tema es muy interesante y me atrapó

  5. says:

    Uopće ne razumijem kakva je ovo knjiga, o čemu se radi, šta je autorica htjela postići ovim djelom... Totalno sam zbunjena, žalim vrijeme koje sam izgubila čitajući ovu glupost...

  6. says:

    Una scrittura sciatta, piena di frasi fatte e volgarità inserite a caso. Personaggi privi di spessore e stereotipati. Una trama palesemente 'ispirata' ai romanzi di Stephen King e ancora più, temo, ai fumetti di Dylan Dog. Alcune scene stupidissime (ad esempio lo 'scontro' di Alice con la ex di Stefano) ed altre così banali da risultare imbarazzanti (tra queste il finale). Il risultato è un romanzo grottesco e noioso, a tratti ripetitivo e irritante.

  7. says:

    Het boek begint spannend maar van zodra het bovennatuurlijke erbij kwam, was mijn enthousiasme geluwd. Het boek leest vlot en was gelukkig niet zo dik, waardoor ik het daadwerkelijk heb uitgelezen maar dit is echt niks voor mij.

  8. says:

    La fascetta cita “il caso letterario dell’anno”. Ottimo! Ma del 2010? Perchè è uscito il 18 gennaio 2011 non può essere il caso letterario dell’anno! E’ una ristampa? No. E’ uscito davvero il 18 gennaio 2011. La risposta plausibile è solo una: marketing.
    Ma parliamo del libro: costa poco, unico punto a favore.

    Si divora, il titolo non mente (anche perchè è stampato per i ciechi). La storia è al cardiopalmo, frulla nelle pagine come un infarto, ti trascina, è molto cinematografica, slegata come un film di Linch, fatta di flashback e azione pura. Ma un film di Linch non è solo frammentazione della storia, è arte data da un sapientissimo uso della tecnica. La Ghinelli – che pure di tecnica dovrebbe saperne, visto che esce nientemeno che dalla Scuola Holden – della tecnica narrativa o se ne frega o non la conosce.
    Sin dai primi capitoli si fa notare un fastidiosissimo zompettare del punto di vista, frasi sconnesse da dentro i personaggi presenti nella scena, intercambiabili e strumentalizzati dall’autrice per fare cosa? Scrivere frasi ad effetto.
    Le scene più drammatiche e terrificanti sono un minestrone di punti di vista. L’autrice, nella smania di scrivere frasi truci ed evocative, salta da una testa all’altra, vortica dentro immagini astratte prive di appartenenza, se non quella dell’invadentissimo narratore onniscente.
    I personaggi poi non li conosci, non ne hai modo, l’autrice te li spiega per filo e per segno con dettagliatissimi inforigurgiti tratti da una scheda biografica/profilo psicologico che sembra quasi una preparazione al romanzo vero e proprio. E per far questo mette nei pensieri di adolescenti – manco tanto svegli – frasi e ragionamenti didascalici da accademici, per di più anziani (un dodicenne direbbe mai “avversione che accompagna il tanto discusso progresso” riferendosi a un telefono a ghiera?). L’autrice forse non si fida dell’intelligenza dei lettori? Pensa che se mostrasse l’insicurezza di Francesco invece che dircela, noi non la capiremmo? Mistero.

    Per leggere la recensione per intero: QUI

  9. says:

    En español, El devorador

    Dos estrellas en lugar de tres porque la idea es interesante y el comienzo de la historia muy efectivo. Cierto que soy especialmente proclive a disfrutar historias de niños malvados, diferentes y desafortunados. Los primeros tres capítulos de El devorador presentan unas relaciones familiares nefastas, unos personajes herederos de sus circunstancias y un clima seco, duro. Lo que me gusta, vaya.

    Además el personaje oscuro, el propio devorador, como aún no está del todo dibujado, despierta cierta intriga. Así las cosas, sigue una leyendo.

    Lo que ocurre es que, tras ese comienzo tan prometedor, a la autora se le van las cosas de las manos. Construye una historia nueva donde el personaje principal no está siquiera esbozado: una educadora y su novio, meras siluetas, tratan de desentrañar un misterio y lo consiguen gracias a recuerdos fragmentados y deducciones que al lector se le escapan. Al menos a esta lectora.

    La trama y la manera de resolverla beben de películas como The ring y el villano pasa a ser una sombra maligna sin demasiada justificación. Lo sobrenatural tampoco se justifica más que por la magia de las películas de caserones encantados. Un deus ex machina como una casa que a estas alturas no debería convencer a nadie.

    Sin embargo ninguno de los anteriores es el motivo principal de que la obra se quede an agua de borrajas. El problema real es que no hay posibilidad de identificación con ninguno de los personajes. Son todos tan leves que no te puedes aferrar a ninguno de sus rasgos. Y eso que algunas de las imágenes son muy impactantes.

    Tampoco funciona el miedo. Se trata de un terror difuso, sin objeto.

    En definitiva, un bluf.

    La lástima es que realmente prometía.

  10. says:

    I bimbi e l’Uomo Nero.
    Quello che esce dai loro incubi peggiori, quello che, se non lo pensi e se non ci credi, smette di esistere.
    Nella letteratura horror gotica è un’immagine super-inflazionata, ma Lorenza Ghinelli ci ha costruito un intero romanzo, ansiogeno, ipnotico, assurdo. Francamente sono sorpresa di essere fra le poche ad averlo apprezzato, e dire che di romanzi del genere ne ho già letti parecchi e dunque avrebbe anche potuto sembrarmi l’ennesima boiata. Invece no. Lo stile asciutto, le pagine che si fanno voltare in maniera precipitosa, la storia ricca di suspense, l’innocenza dei piccoli protagonisti che si fonde con la cattiveria del mondo, con la voglia di rivalsa, col desiderio di vendetta, con l’ombra delle loro paura più grosse, rendono il romanzo, se non memorabile, ben godibile. E’ un romanzo particolare, va al di là dell’essenzialità della scrittura e gioca tutto con le immagini, macabre, brutali; e spesso resta fra l’ombra e la luce, quello spazio dove vedi e non vedi, dove puoi immaginare, dove l’incubo se vuoi diventa reale, dove l’inconscio la fa da padrone….un terreno non scontato, mai completamente esplorato fino in fondo. Per tali motivi non mi sento di bocciare il romanzo di Lorenza Ghinelli, anzi, ammetto con franchezza che, complice la libertà delle vacanze estive, “Il divoratore” l’ho divorato, e sono curiosa di leggere altro di lei.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *